VESUVIO

Ij m’aggio sfasteriat

‘e pensa’ ‘e muri’ avvelenat

dinto a ‘stu lietto tremm

pecché ‘a sera fete ‘e mmerd

Però avite ragione

Ce sta già n’evoluzione

‘Sta terra abbrucia ancora

E io me conto l’ore

D’e candele ca appiccio pe’ nun senti’

‘Stu fieto d’omertà accussí

Si vulite me stongo zitt

Tanto me faccio una via adderitt

Me scuso Sua maestà

Ma ‘sta terra nun ha dda brucia’

 

Ve pozzo dicere ‘nata cosa?

Pecché state accidendo ‘sta Rosa,

‘O giardino nun ve piaceva?

Avevat a jetta’ proprio ca ‘a munnezza?

Ignorati, avvelenati, scamazzati e sotterrati

Ma che ve credite? Gesù Cristo figlio e’Die?

Vuje nun site nisciun

Sulo ‘nu potere chieno ‘e paur

Ca nun lotta pe’ ‘o popolo suoij

Ma pe’ se apprepara’ ‘a nicchia proprij

Pe’ mme site ‘nu scuorno

‘O scuorno d’a nazione

Ignorati, avvelenati, scamazzati e sotterrati

Ma che ve credite Gesù Cristo figlio e’ Die?

AR. Farias

 

 

 

Copyright.

Articolo protetto dalla vigente normativa in materia di tutela del diritto d’autore.

 

Lascia un commento