THE #CINESHOWZ(1)

COFFEE BREAKFILM&TV

(1st edition) – part1

Ladies and Gentlemen we got … THE CINESHOWZ! 

Sui social di Zairaf è stato richiesto da voi lettori di dare un voto ai film recensiti sul blog, e poiché mi sono resa conto di frequentare più il cinema della mia città che la mia università, ho accettato la vostra proposta! Ho deciso quindi di creare questa nuova rubrica e di realizzare una hit-parade dei film visti al cinema ogni quattro mesi.

I voti andranno da 0 a 5 popcorn e, se proprio il film sarà stupefacente, ci aggiungo un magna cum laude !

Ecco allora i film visti usciti nelle sale nei mesi di Gennaio-Aprile:

ESCAPE ROOM  Sei sconosciuti ricevono in sei differenti modi un misterioso pacchetto contenente un puzzle che, una volta risolto, consegna loro un biglietto d’ingresso gratuito all’esclusivo Escape Room della Minos. C’è, inoltre, un premio di 10mila dollari per chi riuscirà a risolvere gli enigmi e ad uscire dell’Escape Room. L’unica cosa che i sei partecipanti non sanno, è che in realtà sono coinvolti in un gioco mortale al limite dell’aticofilia e del sadismo.

Diretto da Adam Robitel, ESCAPE ROOM è un mix di Saw e Cube arricchito da tutti i cliché del genere horror. Priva di scene splatter, ha però più o meno la stessa struttura degli horror prima citati: un gamemaster psicopatico progetta un’enorme Escape Room formata da più stanze e temi differenti. Ogni stanza superata comporta un giocatore in meno, e il gioco termina quando l’ultimo giocatore superstite riesce ad uscire dall’ultima stanza. Tutto molto sempliciotto, banale e prevedibile. Il classico film mosso dall’unico obiettivo di creare un nuovo franchise, tanto da dare un finale incompiuto che lascia ben certa l’aspettativa di un secondo capitolo.

Interessante la trama e l’idea di sviluppare un horror sul gioco di tendenza degli ultimi anni, ma è stata resa sul grande schermo in maniera sciapa e superficiale.

1 #POPCORN

___________________

LA PARANZA DEI BAMBINI  Nella Napoli dei nostri giorni, un gruppo di ragazzini decide di allearsi ad un clan camorristico per guadagnare soldi facili ed ottenere il rispetto dei coetanei. Tra abiti e scarpe firmate, motorini e armi, i ragazzi si ritrovano ben presto proiettati nella vita insana e crudele della Camorra, tanto da scontrarsi con gli altri clan e rischiare la vita.

Tratto dall’omonimo libro di Roberto Saviano, e diretto da Claudio Giovannesi, è l’ennesimo film sulla realtà camorristica, realizzato in una chiave più “morbida” data dall’innocenza della giovane età dei protagonisti. Gli amanti di Saviano, probabilmente, apprezzeranno il film più di quanto abbia fatto io. Secondo la critica, non è il “solito film sulla Camorra”, invece, secondo me, lo è! Ciò che lo distingue da tutti gli altri film del genere è semplicemente il ridimensionamento della malavita napoletana agli occhi dei ragazzini, mossi unicamente dell’impeto di voler conquistare il “potere”.


2 ½ #POPCORN

___________________

DRAGON TRAINER – Il mondo nascosto  La famosa trilogia iniziata con il 
primo film nel 2010, si è oramai conclusa con questo ultimo e toccante terzo capitolo. Hiccup e Sdentato sono cresciuti e ora devono affrontare le responsabilità che ogni adulto del suo villaggio ha, tra le quali c’è la più importante per Hiccup: proteggere la propria famiglia e il proprio popolo. Intanto Grimmel il Grifagno, il più noto ammazzadraghi, vuole terminare il proprio lavoro e sterminare tutti i draghi presenti sull’isola di Berk. Un nuovo nemico ed una nuova avventura che portano il popolo di Berk a viaggiare, capeggiati da Hiccup, in cerca del “mondo nascosto”.

Un bel lavoro quello di Dean Deblois, che ha scritto e diretto da solo il film mostrando tutta la sua fiducia in questa trilogia. Di fatto, è proprio un bel film d’animazione! E ancor più bella è l’idea di presentare un eroe con un handicap fisico parallelo a quello che ha il suo amico alato. Un nuovo modello eroico non più basato sulla forza fisica ma sull’intelligenza, il coraggio ed il lavoro di squadra.


3 ½ #POPCORN

___________________

AQUAMAN  Dall’amore di un guardiano del faro e di Atlanna, regina atlantidea ribelle, nasce Arthur, bimbo dotato di poteri straordinari legati al mare e futuro Aquaman. Arthur, convinto che il popolo di Atlantide abbia giustiziato la madre per essersi innamorata di un uomo e per aver dato alla luce un bastardo, decide di non avvicinarsi mai al regno marino. Un giorno però, Mera, principessa e futura sposa del fratellastro di Arthur, gli chiede aiuto per salvare Atlantide e recuperare il leggendario tridente di Atlan.

E’ il nuovo film della DC Comics diretto da James Wan e con un cast ben assortito e interessante (: Jason Momoa in Aquaman, Amber Heard in Mera, Nicole Kidman in Atlanna, Willem Dafoe in Nuidis). Premettendo che, secondo me, Jason Momoa è realmente il Re del Mare incarnatosi in uomo, il film è stato godibilissimo. La storia è raccontata bene e l’unica cosa scontata è l’ovvio happy ending, caratteristico del Comics Universe come la DC e la Marvel. Come pecca ci sono stati gli effetti speciali. Vero è che un film ambientato sotto i mari non è il massimo della semplicità, però forse poteva essere migliorato con qualche accorgimento.


4 #POPCORN

Come ho scritto nell’introduzione, mi sono resa conto che vedo tanti (per alcuni troppi) film! Quindi non sono finiti qui i film e le loro votazioni.

Per andare alla seconda parte dell’articolo clicca QUI !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *